09 aprile 2020
CORONAVIRUS E MASCHERINE: INIZIATA CON QUALCHE DIFFICOLTA' LA CONSEGNA DELLE MASCHERINE PORTA A PORTA
Il Presidente Adiconsum Toscana “Ci abitueremo all'utilizzo dei presidi di protezione. Maggiore attenzione verso le persone anziane”

. Lunedì 6 aprile il Presidente della regione Toscana Enrico Rossi ha firmato un'ordinanza che obbliga quasi tutti i cittadini ad indossare le mascherine, ad eccezione dei bambini sotto i 6 anni e di coloro che non possono indossarle a causa di particolari condizioni psicofisiche, attestate tramite certificazione medica.
Ad avviare il percorso intrapreso dalla Toscana è stata ancor prima la Lombardia ma attualmente anche altre regioni fanno sapere che intendono adottare lo stesso provvedimento per la sicurezza dei cittadini. L'obbligatorietà in Toscana scatterà al massimo dopo Pasqua ed in tutti i luoghi pubblici o privati in cui la distanza necessaria è di 1,8 metri, come stabilito dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. Si parla di un approvvigionamento di mascherine di oltre 8 milioni, più 2,2 milioni del tipo FFP2 destinate agli ospedali. Al momento sono arrivate 850 mila mascherine nel capoluogo toscano ed è in corso la consegna porta a porta prevista da una task force di duecento volontari della Protezione Civile ed alcuni dipendenti del comune. Ogni cittadino residente nel comune riceverà 2 mascherine chirurgiche (ne erano state previste 3 a testa ma il numero dei rifornimenti attualmente giunto non è sufficiente per tutti), nel contempo si pensa a come poter effettuare la distribuzione anche agli studenti fuori sede ed i domiciliati.
La consegna è stata avviata ma non senza intoppi. I tempi ristretti e la mancanza di personale per la consegna, complicano la distribuzione a Firenze e negli altri comuni della regione.
L'iniziativa, seppur molto apprezzata dai cittadini in questo periodo di sciacallaggio, rischia di non rispettare i tempi previsti dal Governatore Rossi.
Nel frattempo la regione Toscana, in collaborazione con il Servizio sanitario toscano, il GRC (Centro regionale gestione rischio clinico) e l'Ars (Agenzia regionale di sanità), ha stilato un dépliant per l'uso corretto delle mascherine che spiega i comportamenti da seguire quando si è in presenza di altre persone. Il volantino verrà distribuito dai comuni insieme ai presidi di protezione. Il Segretario Generale Adiconsum Toscana Grazia Simone richiama l'attenzione dei cittadini per avvisarli che nessuno chiederà loro di entrare nelle case per la consegna delle mascherine. “Diffidate da chiunque ve lo chieda. Maggiore attenzione verso le persone anziane, parenti ed amici non si dimentichino di loro. In questa emergenza hanno ancor più bisogno del nostro aiuto, tuteliamoli!” conclude il Presidente Adiconsum Toscana. .

condividi su facebook